Richieste mutui in rallentamento, pesa il contenimento delle surroghe

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Bussola Crif aggiornata alla metà dell’anno ci informa che – come da attese – le richieste di nuovi mutui nel primo semestre del 2019 sono rallentate, facendo segnare un – 9,4% principalmente riconducibile al contenimento delle surroghe, i finanziamenti con finalità di sostituzione, la cui onda lunga si fa sempre meno increspata (a conferma che, in fondo, chi aveva interesse e volontà a surrogare il proprio mutuo, in buona parte lo ha già fatto negli scorsi anni).

Non è questo, comunque, l’unico dato di rilievo che la Centrale Rischi ha voluto condividere nel suo dossier: vediamo insieme i principali spunti.

Tassi favorevoli, ma occhio agli spread in aumento

Scendendo in un livello di maggiore dettaglio, riteniamo che nei prossimi mesi continuerà a svolgere un ruolo favorevole al trend dei mutui il basso livello dei tassi di interesse oggi applicati alle operazioni di finanziamento.

In tale contesto, Crif informa che da gennaio a luglio 2019 i migliori spread in offerta sono rimasti stabili per i mutui a tasso variabile, ma sono cresciuti allo 0,6% per i mutui a tasso fisso. Un rincaro che le banche hanno silenziosamente portato avanti durante l’intero anno, e che però non è stato visibile agli occhi della maggioranza dei mutuatari (quelli meno attenti, soprattutto), poiché compensato da una contemporanea riduzione degli indici IRS sul periodo, pari a – 0,7%.

Compravendite residenziali in dinamica crescita

Sul fronte delle compravendite residenziali, i dati dell’Agenzia delle Entrate confermano un buon incremento delle transazioni, con un balzo del + 8,8% nel primo trimestre 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e con un’accelerazione rispetto alla crescita complessiva del 2018, pari al + 6,6%.

I dati statistici ribadiscono pertanto una nuova fase di espansione del mercato immobiliare, in atto da oltre quattro anni consecutivi, e oggi favorita anche da valori di mercato che risultano essere estremamente attraenti, e da una condizione generale di tassi che – come abbiamo già rammentato – è difficilmente superabile in termini di convenienza.

A prestare il fianco a evidenti margini di miglioramento è semmai l’evoluzione dei prezzi al metro quadro degli immobili che sono forniti in garanzia al mutuo, che nel secondo trimestre 2019 hanno fatto segnare una contrazione del – 2,0%. L’elemento, pur negativo, è comunque il frutto di una dinamica positiva per gli immobili di nuova realizzazione, che riscontrano una crescita lieve dei valori al metro quadro pari al 9+ 0,8%, e un nuovo passo indietro degli immobili usati, con perdita del – 2,3% dei valori commerciali.

Chiudiamo infine evidenziando come in tutto il territorio nazionale solamente la macro area Sud e Isole ha fatto registrare un incremento dei valori su base annua nel secondo trimestre 2019, con avanzamento del + 0,3%. La contrazione più grave si è invece registrata nel Centro della Penisola, dove i valori nello stesso periodo sono calati del – 5,2%. Hanno invece contenuto il segno negativo le macro aree Nord Ovest e Nord Est, le più rappresentative in termini assoluti per quanto attiene le transazioni immobiliari rilevate dalle Entrate.

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi essere avvisato quando ne pubblicherà altri?
Rispettiamo la tua privacy
Come comprare un immobile in Italia
Il manuale per non commettere errori fatali quando compri casa
La tua privacy è al sicuro. Puoi cancellare i tuoi dati con un clic.